abusivismo che passione!

L'abusivismo edilizio è un fenomeno di diffusa perpetrazione del reato di abuso edilizio tale da assumere una particolare ed incisiva rilevanza sociale e politica. Da più parti, ma segnatamente da parte delle organizzazioni ambientaliste, si segnala una supposta coincidenza fra i territori maggiormente abusati dall'edilizia e quelli in cui è più marcata la presenza della criminalità organizzata. Si sostiene, in pratica, che laddove il potere di fatto delle organizzazioni malavitose sia maggiormente acuto, si registri anche un'elevata incidenza del fenomeno abusivistico. Oltre a ciò, porta anche agli ecomostri. Un ecomostro è un edificio o un complesso di edifici considerati gravemente incompatibili con l'ambiente naturale circostante. Può essere che la costruzione di ecomostri avvenga in condizioni di abusività, e dunque tale struttura debba essere abbattuta secondo la legge. Abusivismo è anche esercizio abusivo di una professione, di un mezzo, di una legge di un potere e quant'altro! Questo accade dappertutto, in italia e al sud specialmente. Dove ci sono svariati edifici abusivi. Poi vengono a lamentarsi se succede qualche tragedia in quei luoghi, tipo valanghe, frane, alluvioni, crolli. Però l'abusivismo è incoraggiato anche in minima parte dalle leggi che rendono impossibili alcune costruzioni per i costi elevati e ce chi non se li può permettere purtroppo. Poi ci sono altri episodi di abusivismo legati a sfruttamento, come quello avvenuto a Palma di Montechiaro per esempio: i carabinieri hanno scoperto una cava abusiva di 4.200 metri quadrati in contrada Ragusetta a Palma di Montechiaro. La cava veniva utilizzata per estrarre pietrisco da bitume. Tre persone, di cui i due proprietari del terreno e un uomo trovato con l’escavatore intento al lavoro, sono stati denunciati. Vogliamo accrescere l'economia in maniera corretta, perchè farlo in maniera scorretta è meglio lasciar perdere perchè non vogliamo avere nei sulla faccia del futuro, non vogliamo avere pesi e rimorsi su cui vergognarci!

Scrivi commento

Commenti: 0